SEZIONI NOTIZIE

Reggiana, Tosi: "Stiamo lavorando per arrivare all'esordio playoff al meglio"

di Micol Malaguti
Vedi letture
Foto

Intervistato dalle colonne de Il Resto del Carlino (ed. Reggio Emilia), il direttore sportivo della Reggiana, Doriano Tosi, ha parlato dei playoff e della condizione fisica della squadra granata che si prepara al proprio esordio nel torneo che definirà la formazione promossa in serie B. 

Direttore Doriano Tosi, ha visto questa prima "tornata" di playoff? Che idea si è fatto?
"Sì, l’ho vista. E’ ancora un po’ presto per tirare delle conclusioni. Qualche squadra ha nel Dna di attaccare, tipo il Catanzaro, ma altre hanno avuto un atteggiamento prudente e i risultati hanno rispecchiato tutto ciò".

Si può dire che avere due risultati su tre a disposizione ha condizionato molto le squadre? Più ancora, forse, di una condizione fisica approssimativa…
"Più il primo aspetto che il secondo, se devo essere onesto".

In generale che "insegnamento" si può trarre da questo primo turno?
"Che le incognite sono tantissime e in particolare che all’interno di una partita se ne giocano tre…"

Si spieghi meglio…
"C’è la prima mezz’ora in cui le squadre giocano un certo tipo di partita, quella centrale in cui le squadre gestiscono le energie e infine gli ultimi venti minuti in cui è tutta un’altra storia. Abbiamo visto il Catania andare sotto di due gol nei primi minuti, e poi vincere la gara. Nulla è scontato, anche se si va in vantaggio per primi".

Soprattutto con i cinque cambi, gli allenatori hanno la possibilità, davvero, di incidere.
"Concordo. Il cosiddetto "piano partita" deve essere studiato in modo quasi scientifico dall’allenatore, anche perché vi sono giocatori che rendono meglio partendo dall’inizio ed altri che fanno la differenza a gara in corso".

La Reggiana come sta?
"Bene. La settimana scorsa è stata quella più dura dal punto di vista dei carichi di lavoro. Da qui al 13 ci concentreremo tanto sulla parte tecnica e tattica. L’unica cosa che possiamo fare è lavorare al meglio possibile per arrivare all’appuntamento nelle condizioni migliori. Quello che possiamo fare lo stiamo facendo al massimo delle nostre risorse. Poi vi è l’imponderabile, bisogna esserne consapevoli".

Lei come sta vivendo questo lungo avvicinamento?
"Io sto lavorando sul prossimo campionato di C. Perché da un certo punto di vista quel tipo di programmazione è molto più dura che una possibile B".

Che difficoltà sta incontrando?
"Solo per fare un esempio, ancora non c’è ufficialità su quanti giovani si dovranno schierare, quale il loro minutaggio e quale il "premio" economico per il loro utilizzo. Poi io sono del parere che ognuno si costruisce la squadra che vuole, ma avere chiarezza su questo aspetto è fondamentale per poter costruire la Reggiana del futuro".

Voci di mercato sulla Reggiana sono uscite in questi giorni. E’ una distrazione per lei in un periodo così importante?
"Mah, la verità è che oggi come oggi sono i procuratori che le mettono in giro. Fedato, per esempio, ce l’hanno offerto a gennaio. Il mio pensiero è di cercare di capire le soluzioni che si hanno in casa, soprattutto in caso di C. Perché a Reggio, hai l’obbligo, sempre, di costruire una squadra competitiva".

C’è qualche match di playoff del secondo turno che la stuzzica particolarmente?
"Guardi, quando entreremo in scena, ci saranno 4 squadre sicure, a mio avviso: noi, Carpi, Bari e Carrarese. Bisogna capire chi saranno le altre quattro. Ognuno di noi fa i suoi pronostici, che lasciano il tempo che trovano, ma penso che Padova e SudTirol siano favorite perché giocano in casa, mentre Alessandria-Siena è già più difficile perché i toscani hanno un rendimento migliore in trasferta. Vedremo"

Altre notizie
Domenica 19 luglio 2020
19:20 Parma Parma-Sampdoria 2-3, i crociati rovinano tutto nella ripresa: che rimonta degli ospiti 12:20 Parma Occhi sul giovane Zappa del Pescara: ci pensano anche Verona e Sampdoria 11:52 Serie C Piacenza attivo sul mercato: si lavora per l'ala Giorgio Siani 11:25 Altre notizie Serie A, apre le danze il Parma. Poi alle 19.30 la delicata sfida Genoa-Lecce 10:56 Bologna Torino, a fine campionato sarà addio con De Silvestri: il difensore sempre più verso Bologna
PUBBLICITÀ
10:30 Serie C TMW - Modena, Davì nel mirino di Padova e Palermo 10:05 SPAL SPAL, per la panchina si pensa anche al nome di Pasquale Marino 09:35 Bologna Corriere della Sera in taglio alto: "Il Milan blinda l'Europa, l'Atalanta rallenta" 09:25 SPAL La Nuova Ferrara: "SPAL oggi a Brescia per posticipare la caduta in Serie B" 09:15 Parma Gazzetta di Parma: "Crociati in campo: tanti assenti contro la Samp" 09:05 Sassuolo L'Unione Sarda: "Cagliari, all'Arena un punto col cuore" 08:55 SPAL Giornale di Brescia: "Brescia, ultima chiamata per evitare la B: c'è la SPAL" 08:45 Parma Il Secolo XIX: "Samp a Parma il ballo delle punte per scalare ancora la classifica" 08:35 Sassuolo Gazzetta di Modena: "Il Sassuolo domina ma a Cagliari fa solo un punto" 08:25 Altre notizie Corriere dello Sport: "Il Milan a valanga, Mihajlovic esplode" 08:15 Altre notizie Tuttosport sulla Juventus: "Via Douglas, c'è Jimenez" 08:05 Altre notizie La Gazzetta dello Sport: "Turbo Milan! Inter su Dzeko" 00:15 Bologna Bologna, Mihajlovic: "Chiediamo scusa ai tifosi e alla società"
Sabato 18 luglio 2020
23:39 Bologna Milan-Bologna 5-1: serata da dimenticare per i rossoblu 22:39 Bologna Milan-Bologna 2-1 dopo i primi 45 minuti: a segno Tomiyasu